Qual è la frequenza di assunzione o di applicazione per i medicamenti omeopatici?

Ogni medicamento deve essere usato tanto spesso quanto necessario, ma il più raramente possibile.

Ricorrete al rimedio scelto ogni qualvolta

  • diminuisce l'effetto della somministrazione precedente
  • ricompaiono i disturbi o
  • si attenuano le conseguenze di un'eventuale reazione di efficacia del trattamento (cosiddetto aggravamento omeopatico iniziale) e sono però ancora presenti disturbi correlati alla malattia.

I disturbi acuti richiedono generalmente una somministrazione frequente, fino a ogni quarto d'ora, in casi estremi anche più spesso.

Per il trattamento dei disturbi cronici, ovvero che perdurano da tempo o recidivano continuamente, nonché per la desensibilizzazione di allergie sono necessarie in genere da 1 a 2 dosi al giorno fino alla completa scomparsa dei disturbi.

Il trattamento prolungato con farmaci omeopatici è indicato solo nel caso in cui i disturbi in questione migliorino sensibilmente con la somministrazione del preparato o si rilevi la guarigione progressiva.