L'intestino è un organo estremamente importante. Nell'intestino avviene la digestione dei cibi; le sostanze nutritive, le vitamine, i sali minerali, l'acqua, i medicamenti ecc. passano all'organismo, mentre le sostanze non digeribili o nocive vengono eliminate.

Se il contenuto dell'intestino vi staziona per troppo tempo, le scorie che permangono nell'intestino e i gas che si sviluppano gravano sull'organismo.

Il benessere generale può essere notevolmente compromesso dalla stitichezza. Le conseguenze possono essere svogliatezza, malessere, mal di testa, fiacchezza, flatulenza, eruzioni cutanee ecc.

Le cause più frequenti della stitichezza sono:

  • alimentazione monocorde, carenza di alimenti ricchi di fibre, alimenti costipanti come p.e. il cioccolato
  • apporto insufficiente di liquidi
  • troppo caffè, cola o tè nero
  • troppe e ripetute arrabbiature, preoccupazioni, agitazione
  • alcuni medicamenti chimici e l'assunzione troppo frequente di lassativi
  • mancanza di movimento
  • la soppressione dello stimolo alla defecazione («mancanza di tempo»)

I lassativi stimolano l'intestino a una maggiore attività (motilità intestinale, secrezione di muco) o sottraggono acqua (e anche importanti minerali come il potassio) ai tessuti circostanti al fine di diluire la massa fecale. I lassativi (anche quelli vegetali!) sono indicati solo per un uso occasionale e risolvono solo temporaneamente, e mai definitivamente, il problema della stitichezza cronica. In effetti accade il contrario: con l'uso frequente di lassativi la stitichezza peggiora progressivamente, dato che l'intestino diventa sempre più pigro e contratto, oppure si disidrata.

Usare con precauzione i lassativi in gravidanza e durante l'allattamento, come pure in presenza di emorroidi. In caso di stitichezza chiedete in farmacia o in drogheria di consigliarvi in merito a un prodotto innocuo e a un'alimentazione adeguata.

Non esistono lassativi omeopatici. Il trattamento della stipsi con l'omeopatia persegue l'obiettivo di rimuovere la causa per risolvere il problema a lungo termine.

 

Consigli utili

  • Cercate di capire quali siano le cause della stitichezza e tentate di eliminarle.
  • Fate regolarmente movimento.
  • Bevete almeno 2 litri di liquidi al giorno. Iniziate la giornata con un grande bicchier d'acqua o di succo di frutta.
  • Assumete ogni giorno alimenti ricchi di fibre come frutta cruda, verdura, prodotti a base di cereali integrali, oppure integrate la dieta con guar e crusca acquistati in drogheria o in un negozio dietetico specializzato.
  • Limitate il consumo di caffè, cola, bevande a base di cacao e tè nero.
  • Se la stitichezza è causata da medicamenti, parlatene con il medico. Se si tratta di farmaci per automedicazione, evitate questi prodotti. 
  • Se la stitichezza perdura da molto tempo, ci vorranno da 3 a 6 settimane di transizione fino all'instaurarsi di un cambiamento. La modifica dell'alimentazione e altre misure richiedono un po' di pazienza prima di dare dei risultati.