I reni assolvono molte funzioni vitali. Con l'urina eliminano sostanze di rifiuto e nocive, riequilibrano il bilancio idrolitico e producono ormoni. Reni danneggiati, con funzionalità compromessa, causano vari disturbi più o meno gravi. Spesso disturbi come stanchezza, difficoltà di concentrazione, mal di testa, disturbi circolatori, disturbi articolari, calcoli renali o della vescica, o eczemi, sono le conseguenze di malattie renali.

Rappresentano un rischio per i reni l'apporto insufficiente di liquidi, l'eccessivo consumo di alcolici, i cibi troppo salati, le infiammazioni e le infezioni non completamente guarite o represse (a carico p.e. dei reni, delle tonsille, dei seni paranasali), l'ipotermia, un'assunzione eccessiva di medicamenti chimici (antidolorifici!).

La vescica è il "recipiente" in cui si riversa l'urina prodotta dai reni. Se la vescica è ipersollecitata, può reagire con infiammazioni o disturbi funzionali, come p.e. l'incontinenza. I piedi freddi e bagnati possono causare infiammazioni della vescica, mentre lo stress psichico può innescare l'enuresi.

I disturbi dei reni e della vescica devono sempre essere trattati rapidamente e, soprattutto, guariti completamente. Per il trattamento è spesso molto importante conoscere anche le cause all'origine del disturbo.

 

Consigli utili

  • Bevete 2 litri di liquidi al giorno. Vanno bene sia le tisane con effetto blandamente stimolate sull'attività renale, come p.e. la verga d'oro, le radici di ononide e di ortica, come pure le foglie di ortica e betulla.
  • Anche alcune acque minerali hanno un effetto blandamente diuretico.
  • Sottoponetevi eventualmente a un trattamento di riflessologia plantare.
  • Fate in modo di avere sempre i piedi caldi. Non rimanete seduti su superfici fredde (pietra).
  • Evitate i cibi e le bevande gelate o le bevande alcoliche concentrate.
  • Evitate i cibi (pere, frutta con nocciolo) e le bevande (vino bianco) «raffreddanti».
  • Limitate il consumo di sale (attenzione al sale nascosto negli insaccati, nei salumi ecc.).
  • Tenete al caldo tutto il corpo. Applicate impacchi caldi nella regione della vescica:
  • sacchetto di patate, sacchetto di fiori del fieno o impacco di semi di lino*.
  • È noto che si ottengono buoni risultati anche con il succo di mirtillo rosso. 

 

*Impacco di semi di lino:
Mescolare la farina di semi di lino con poca acqua bollente fino a formare una pappa densa e riversarla su un telo sottile. Oppure riempire un sacchettino di telo garzato con semi di lino schiacciati e metterlo in acqua bollente per 10 minuti. Applicare l'impacco il più caldo possibile e fissarlo con un telo intermedio e un panno di lana. Tenere l'impacco finché non emana più calore.